Pubblicato il

Novità 2018: cosa ti garantisco in più

Il mio 2018 si apre scegliendo la parola “Consolidamento” come guida per ogni mio futuro passo. Rimodello la mia attività sull’onda del rinnovamento del sito web, riaperto il 5 settembre 2017.

Quest’anno non sono previste attività di sponsorizzazione di eventi e nemmeno progetti di co-marketing. Quest’anno penso solo a te e a come renderti un buon servizio semplificando l’accesso ai servizi, ai pagamenti e ai contenuti.

Undici sono i cambiamenti che ho definito affinché questo 2018 rappresenti un anno di svolta per il tuo business anche attraverso le consulenze Wolf Eyes Inside.

Studio privato di consulenza con laboratorio e sala riunioni incluso

A Tarcento, avvio la mia attività con una sede fissa. Per accedervi è prioritario e obbligatorio l’aver confermato la data, l’orario e aver già effettuato il saldo del servizio in anticipo. Lavoreremo insieme ai tuoi progetti di business e potrai utilizzare i miei strumenti per testare o migliorare le tue attività. I costi di consulenza rimangono invariati, viene aggiunta solo una piccola tariffa per i costi ordinari che sostengo garantendoti uno spazio confortevole.

Calendario attività su base 10 mesi

Luglio e agosto sarò impegnata full time per un cliente importante, che vive e fattura durante l’estate. Negli altri dieci mesi, ho preparato un calendario con i gruppi di formazione dedicati al web marketing e social media marketing. Sto progettando un’opportunità centrata sulla comunicazione eco-sostenibile e ho in programma anche un evento di inaugurazione del mio nuovo spazio professionale. Direi che ogni mese avrà la sua peculiarità, ivi inclusi quelli autunnali e invernali (lezione imparata! 😉 ). Sempre a disposizione i percorsi di auto imprenditorialità ispirati a Donne che corrono coi lupi, il corso di scrittura creativa Scrivere nel bosco, il progetto Social Wolf e il corso on demand Facebook a domicilio.

Certificazione in project management

Non solo social media marketing e web marketing. Lavorare sui progetti mi piace. Per farlo al meglio, quest’anno dedicherò una parte di budget e di tempo alla mia formazione e certificazione in tal senso. Non mi basta, infatti, saper usare al meglio i social. Voglio poterti garantire di più: competenze solide e necessarie per lavorare con cognizione di causa e risultati prolungati nel tempo.

Due servizi principali: consulenza e gestione della comunicazione

Il 2017 mi ha insegnato che la dispersione di energie causa frustrazione. Semplifico la mia offerta di servizi in due macro aree, lasciando a te la scelta di come confezionare eventuali percorsi o pacchetti. Da me puoi avere consulenza oppure puoi avermi come tua addetta alla comunicazione, interna o esterna. Quest’anno mi rendo disponibile anche per part time orizzontali con contratti determinati o indeterminati, che mi consentano di mantenere attiva la mia partita IVA.

Prenotazione incontri agevolata: Modulo contatti e Google Site

Ora nulla ti impedisce di prenotare il tuo percorso con me. Da Google hai strumenti per inviarmi la tua domanda, per attivare il navigatore o per chiamarmi immediatamente. Hai veramente tutto a disposizione per metterti in contatto, richiedere un preventivo, conoscermi di persona e lavorare insieme a me. Sulla voglia e sul motivo per farlo, però, ci devi pensare da sola 😉

Orari di attività incrementati con l’aggiunta della fascia serale

Venendo incontro alle più disparate esigenze, ti garantisco una fascia operativa presso il mio studio molto ampia: dal lunedì al venerdì, puoi attivare la tua consulenza e viverla da me dalle 10:00 alle 23:00. Sappi che Mercurio è al mio fianco ma se hai paura dei cani, lo gestisco in modo tale che tu non debba risentirne. Se vuoi portare il tuo cane, è benvenuto: ti chiedo solo la cortesia di informarmi in anticipo.

Pagamento agevolato: introduzione del POS portatile

Da quest’anno, le consulenze singole andranno saldate al termine dell’ora tramite POS. Pacchetti di consulenze, invece, potranno essere pagate anche tramite bonifico bancario. Ti consiglio di approfondire i metodi di pagamento e le condizioni contrattuali per una scelta consapevole.

Uomini inclusi nel target consulenze individuali 2018

Questa è una grande novità! Fino all’anno scorso, ho lavorato esclusivamente con le donne. Quest’anno garantisco consulenza anche agli uomini, i quali potranno accedere ad ogni singolo servizio. Rimane ad appannaggio esclusivo della donna solo il percorso di auto imprenditorialità ispirato a Donne che corrono coi lupi.

Prezzi 2017 garantiti anche per il 2018 senza aumenti

Come ti dicevo, la tariffa oraria per le consulenze individuali e aziendali non subirà aumenti per tutto il 2018. Includo nelle fatture un piccolo costo di gestione e il rimborso spese carburante pari a 0,25€/km qualora dovessi raggiungerti per formazione o consulenza spot on in house.

Sconto “All you can… work” per le clienti autonome 2017

Pensato per le clienti che nel 2017 hanno acquistato pacchetti di consulenza a prezzo intero a partire da 8 ore in un mese, la tariffa oraria del 2018 viene dimezzata per dodici mesi consecutivi.

Acquisto agevolato prodotti a marchio Amway

Nel mio studio potrai vedere, testare e scoprire i prodotti a marchio Amway, che utilizzo nel mio quotidiano. Potrai acquistarli direttamente in loco essendo io distributore esclusivo del brand. Offerte speciali per le clienti che scelgono di abbinare pacchetti di consulenza con set prodotti eco sostenibili per la cura degli ambienti professionali.

Ti piacciono queste novità 2018? Scrivimi cosa ne pensi a venturinicomunicazione@gmail.com.

Pubblicato il

Eleonora Tondon: una strategia senza Facebook (per ora)

elelonora tondon comunicazione repubblica ceca

Ti parlo di Eleonora Tondon, esperta in segretariato estero e traduzioni dall’inglese al ceco e slovacco e viceversa. Abbiamo sviluppato una strategia di comunicazione senza l’uso di Facebook. Di solito, chiunque – ovunque – ti dice che senza questo social non puoi fare business. Eleonora Tondon è un esempio di come sia possibile sviluppare fatturato e clientela senza dipendere da un solo strumento.

Insieme abbiamo lavorato tre ore suddividendo le prime due e mezza in un incontro e l’ultima dopo diversi mesi per un check up finale. Questo è stato possibile perché è una professionista molto reattiva, intraprendente e operativa. Ha competenze digitali e web ed è dotata di ottimi strumenti per lavorare rapidamente concretizzando il dire nel fare senza dispersione di energie.

Blog aziendale

Eleonora ha rivisto completamente le funzionalità del suo sito ottimizzando l’home page, i menù, le notizie in evidenza. Ha lavorato molto in autonomia demandando ai nostri incontri le discussioni strategiche e la pianificazione contenutistica.

Le sue idee chiare sui nuovi servizi di punta hanno reso facile l’impostazione delle macro sezioni subito visibili all’utente. Riconoscendo importanza al ruolo delle pagine, ha speso moltissimo tempo per ottimizzarle con strumenti da webmaster migliorando il punteggio SEO.

Ha sviluppato il blog interno riconoscendo agli articoli il ruolo centrale nelle SERP di Google. Non solo: sa che sono il tramite principale per farsi conoscere da chi approda per la prima volta nel suo mondo. Per questo, ha deciso di mostrarsi in prima persona collegando il più possibile la sua immagine alla Repubblica Ceca, alternando temi professionali ai viaggi ed esperienze diretta in loco.

Da lei puoi trarre ispirazioni così:

  • Utilizza tuttowebmaster.eu per ottimizzare il tuo sito al 100%
  • Pensa al blog come alla porta principale dei tuoi nuovi clienti verso di te
  • Chiediti se il tuo cliente tipo trova subito le informazioni che gli servono dal tuo menù

Servizio aggiuntivo di nicchia

Eleonora Tondon, fino a pochi mesi fa, si è posizionata nel mercato delle traduzioni e interpretariato in Friuli Venezia Giulia. In un secondo momento, si è aperta alla formazione linguistica degli studenti in Udine e limitrofi.

Leggendo il mio blog e ragionando sulla sua passione per i cani, ha aperto la sua mente a nuove opportunità. Ha iniziato a fare domande, a conoscere persone, a valutare soluzioni. Finché è approdata al servizio di interpretariato cinofilo: ora si propone come figura di riferimento durante le expo e manifestazioni cinofile tutte, in Italia e, su richiesta, anche all’estero.

Questa decisione ha richiesto un impegno importante: farsi conoscere in Italia e in Repubblica Ceca (ma non solo) dagli allevatori e club di razza nonché enti cinofili potenzialmente interessati a queste lingue ha richiesto moltissimo tempo. Lei è stata disposta ad investirlo. Sono nati, quindi: contatti di vario genere, revisione delle proposte, incontri di persona, prime esperienze sul campo. Tutto ciò ha costruito l’apprezzamento dei giudici sul campo e, cosa non da poco, una crescita del suo fatturato con la richiesta diretta di questo servizio.

Ha fatto un ulteriore passo in avanti strizzando l’occhio al turismo straniero estivo in Italia. Avviando il corso “Il ceco in spiaggia“, sta formando le classi per operatori turistici del litorale con l’obiettivo di trasmettere le conoscenze linguistiche base per capire e farsi capire dai turisti.

Come ti può essere utile:

  • Chiediti se i tuoi servizi renderebbero di più se aggiornati sulle esigenze di un pubblico specifico
  • Risponditi onestamente: quanto tempo dedichi alle relazioni personali extra web?

Twitter e LinkedIn

Eleonora Tondon ha scelto di comunicare social utilizzando LinkedIn e Twitter come canale informativo rilassato sul mondo della Repubblica Ceca. L’obiettivo è captare l’attenzione degli interessati all’argomento iniziando. Studiando il piano editoriale, abbiamo agito sul come unire il suo nome alla lingua e al Paese. Eleonora ha individuato diverse macro aree tematiche e sta mantenendo con costanza l’impegno di pubblicazione. Le statistiche dei social le confermano la crescita di interesse verso i temi proposti.

I post vengono pubblicati in più lingue per intercettare un pubblico ampio ed interessato trasversalmente anche alla sua professione principale. Quello che la contraddistingue, oltre al tipo di notizie diffuse, sono le sue fotografie: nate dai suoi viaggi, parlano di amore per i territori, che sono diventati il suo business.

Cosa puoi imparare:

  • Essere NON autoreferenziali al 100% porta risultati in termini di interesse da parte della fan base
  • Un contesto di nicchia per pochi non presidiato può essere una buona miniera d’oro

Instagram: la vita di una traduttrice

Nel suo profilo Instagram, Eleonora Tondon ha sviluppato una strategia di comunicazione mirata al suo personale personal branding. Racconta la vita di una persona che lavora nel mondo delle traduzioni. I momenti nel coworking piuttosto che i viaggi piuttosto che l’amore per i suoi cani.

Un mondo personale, dove può esporsi senza sentirsi invasa dalla curiosità altrui… come accade, a volte, in Facebook. Il suo profilo non è nato con l’intendo diretto di sviluppare vendita del servizio però è un coadiuvante degli altri social per quanto concerne contenuti brandizzati.

Il passo successivo sarà sicuramente una crescita dal punto di vista visual: la sua perseveranza gentile rendono amabili i suoi profili. Viene amata per questo.

Eleonora Tondon è un esempio di….

  • mentalità imprenditoriale inserita in una professionista formata in ambito non economico
  • determinazione e lungimiranza condensati in un approccio morbido ai messaggi online
  • volontà oltre la pigrizia del “non so farlo… non lo faccio
  • formazione continua
  • persona che riconosce ancora molto valore al contatto diretto uno a uno per sviluppare business

Quali sono i risultati di questo lavoro? 

  • Incremento delle visualizzazioni del sito e dei social
  • Sviluppo opportunità di lavoro in Europa
  • Crescita ingaggi in ambito cinofilo
  • Fatturato consolidato

E ora parliamo di te. Se sei sufficientemente motivata per rinfrescare la tua attività oppure se vuoi costruirla da zero ma con uno spirito convinto, puoi richiedere il tuo appuntamento con me cliccando qui.

 

Pubblicato il

Capire i cambiamenti in Facebook per progettare contenuti efficaci

cambiamenti in Facebook

Capire i cambiamenti in Facebook vuol dire accettare un nuovo paradigma nella costruzione del piano editoriale. Superate le storie narrate di post in post, ciò che conta è riuscire a tramutare la persona in dato utile per fini commerciali.

Da tempo, il social stava orientando il suo algoritmo verso il valore del contenuto utile per l’utente. Per contenuto utile intendo quello rispondente a una domanda specifica del fruitore, quasi sulla falsa riga di Google. Per valore del contenuto stesso mi riferisco al suo essere significativo e vicino ad un’esigenza di chi lo legge. Che sia informazione, emozione, curiosità, intrattenimento oppure causa sociale o politica, la content strategy in Facebook ruotava intorno alla fidelizzazione del lettore nella fruizione la pagina stessa. Giorno dopo giorno. Ora la content strategy va concepita come insieme di messaggi da promuovere a cui si aggiungono gli extra, che l’utente trova, se vuole.

Le pagine che hanno già acquisito una fan base affezionata sono più avvantaggiate. Quelle che devono consolidare o costruire da zero avranno ancora più problemi… soprattutto se il budget è limitato.

Cambiamenti in Facebook: algoritmo, feed e adv

Facebook si posiziona nel mondo degli strumenti per la pubblicità a tutti gli effetti. I feed degli utenti sono già spettatori di news sponsorizzate in percentuale alta (70% in promo, 20% non in promo, 10% da pulsante “Segui”). Stabilito che in Facebook la pagina ufficiale avrà visibilità se e solo se verrà garantita una sponsorizzazione, stabilito che i contenuti saranno tutti di matrice promozionale, come si comunica in questo canale? Tre sono le considerazioni da fare:

  • Lo storytelling va ripensato perché senza investimento economico diventa inutile. Inutile la pubblicazione costante di aggiornamenti perché questi verranno visualizzati e fruiti da pochissimi.
  • Gli hashtag, una volta molto utilizzati per ampliare le visualizzazioni, restano utili ma non risolutivi.
  • Il pulsante “Segui” diventa centrale in una strategia oltre il budget. Tuttavia, non è una garanzia di visibilità.

E’ vero, infatti, che l’utente può scegliere di seguire la pagina Facebook volontariamente ma è vero anche che nel feed in Home quello stesso utente vedrà promo per la maggior parte del tempo.

Criticità per l’impresa

L’utente o andrà di sua spontanea nella pagina oppure è molto probabile che si perderà tanti contenuti. Inoltre: chi gestisce sponsorizzate non può garantire, allo stato attuale, un immediato risultato utile per il cliente. Siamo in una fase in cui il risultato utile arriva dopo test su test, che costano anch’essi. Inoltre:

  • a fronte di uno stesso pubblico con identici parametri di targettizzazione, Facebook come darà valore al budget più alto investito rispetto al più basso? Si andrà verso una “soluzione fotocopia di Google”?

Immaginiamo, infatti, un pubblico scelto identificato in Donne, età 30 – 45, residenti in provincia di Udine e interessate ai temi della maternità e della famiglia. Una pagina A investe 30,00€ per 10 giorni con obiettivo notorietà nella gestione inserzioni. Una pagina B sceglie lo stesso target nei dettagli, lo stesso periodo ma investe 300,00€ per 10 giorni. Facebook come si comporterà con queste due inserzioni che colpiscono la stessa fetta di mercato ma hanno un peso economico diverso?

E’ vero che il risultato di una promo efficace viene dato dall’insieme di diversi fattori tra cui anche il visual e il testo. Tuttavia, si parla di entrate economiche per Facebook e di fidelizzazione degli inserzionisti.

In entrambi i casi il gestore riceverà inviti a rendere ancora più performante l’annuncio investendo ulteriore budget per raggiungere un costo ottimizzato. Il quale rimarrà, probabilmente, soddisfacente ma non necessariamente eccellente al 100% perché altrimenti non ci sarebbe motivo di aggiungere ancora budget… se non il prolungamento della stessa per ulteriore tempo. Tuttavia, la promo, tornando in approvazione, potrebbe vedere i suoi i costi subire variazioni. Proprio per il meccanismo di cui sopra.

Esperimenti sul campo

Questa scelta imprenditoriale di Facebook rileva non poche problematiche economiche per la piccola impresa. Per chi costruisce i contenuti finalizzati alla lead generation e alla vendita diretta tramite social si traduce in un rivedere la quantità, la qualità e il nocciolo di ogni singolo post pubblicato in Facebook. Potrebbe bastare anche un solo post pubblicato più una serie di black post random promozionali.

Ho fatto degli esperimenti nell’ultimo periodo, sia nel mio personale, sia gestendo alcune pagine dei clienti. Confermo l’abbattimento pesante della visibilità di qualsiasi post non sponsorizzato. E’ vero che la resa di 1,00€ speso in Facebook è attualmente una perdita piuttosto che un investimento: i costi sono aumentati e i risultati vengono garantiti se e solo se alla base c’è un budget serio, costante e continuativo nella sua erogazione.

Consigli per una content strategy efficace

  • Pianificare i black post in adv. Facebook mette a disposizione diversi obiettivi di marketing, che seguono un funnel ben preciso. Visibilità – interazione – conversione. Questo è l’iter che vi consiglio di seguire pianificando i post da mandare in promo. Sottintesa la diversificazione, mese dopo mese, dei contenuti ottimizzati per la lead
  • Usare la pagina personale per fare branding. Se siete personalità che vogliono emergere come esperti di un qualsivoglia settore, affidatevi alla visibilità garantita al profilo personale per quei contenuti che lavorano sull’immaginario collettivo riferito alla vostra persona
  • Riducete i post nella pagina. Che voi scriviate tanto o poco, Facebook premia in visibilità i post sponsorizzati. Quindi, a meno ché non abbiate un signor budget a disposizione, meglio poco ma buono che tanto ma inutile.
  • Usate il vostro sito. Lavorate affinché il vostro blog vi generi contatti utili con persone reali e realmente interessate a voi. Inseritele nella newsletter e convertitele con offerte ad hoc, parlando da persona a persona.

Ulteriori aiuti per capire i cambiamenti in Facebook

Se pensi di non riuscire a sviluppare tutto questo da solo/a, considera il mio servizio di consulenza o gestione esterna.

Pubblicato il

Come valutare il tuo anno da libera professionista

libera profesisonista

Il 2017 volge al termine e, se sei libera professionista, forse ti stai chiedendo se è stato un buon anno. Sì, a volte succede di chiederselo perché non tutti gli anni sono uguali. Talvolta non scorrono lisci e in crescita. Può capitare ci siano molte sfide a cui far fronte e vedere, nel complesso, cosa sei stata in grado di fare può essere difficile. Ecco, secondo me ci sono alcuni parametri da tenere in seria considerazione prima di attaccare l’autostima con giudizi. Perché è facile sentirsi o dirsi “incapaci” ma è più difficile riconoscersi del valore o dirsi “Brava!”. Secondo me, questi sono gli elementi da considerare.

Oneri fiscali: li hai saldati tutti

Se la tua partita IVA ti ha garantito il saldo puntuale di ogni F24, allora hai fatto un ottimo lavoro. Se la tua partita IVA ti ha permesso di accantonare del capitale per gli F24 del prossimo anno, allora hai fatto un ottimo plus lavoro. Certo, hai dovuto rinunciare a qualcosa, forse. Ma, se da un anno all’altro, hai l’anima in pace con il Fisco, allora il motivo principale per cui lavori è sistemato. Puoi dormire più serena. Perché sì, non raccontiamocela: possiamo avere l’IVA agevolata fin ché volete… ma giugno e novembre sono comunque due appuntamenti molto tosti per una libera professionista. E cascano sempre nel periodo in cui c’è il rischio di non essere pagata causa ferie. Senza contare la speranza delle vacanze da qualche parte, che fa i conti con le comunicazioni del commercialista. Se ti sei avvantaggiata, tirando la cinghia ma respirando in un secondo momento: BRAVA!

Fatture incassate al 100%

Se sei riuscita a farti pagare tutto e se non hai dovuto ricorrere a mezzi legali per ottenere la riscossione dei tuoi crediti: BRAVA. In Svizzera hanno l’usanza di pagare data fattura e, lo so, quanto sarebbe bello poterlo vivere anche in Italia!!! Se sei riuscita a non perdere entrate, se i tuoi clienti ti hanno pagato in anticipo, se nessuno ti ha contestato rimborsi carburante: hai svolto un ottimo lavoro per te stessa. E mi focalizzo su te stessa perché per 365 giorni TU hai dedicato tutto il tuo tempo ai clienti. Anche di notte, lo so. Perché la testa, a volte, lavora anche nell’insonnia da freelance. Lascia stare se il tuo fatturato è sotto i 6000,00€ oppure vicino ai 45.000€. Se li hai incassati tutti: COMPLIMENTI!

Investimenti in pubblicità

E’ necessario ma non è obbligatorio e nemmeno scontato. Investire in advertising (PPC e simili) è una necessità per la libera professionista tanto quanto potrebbe essere il canone mensile del wifi. Sono spese che vanno messe a budget. Ciò che fa la differenza è il R.O.I.: i tuoi investimenti sono stati a fondo perduto oppure no? Ti hanno aiutato a crescere? Hai costruito fatturato con queste promozioni oppure hai solo speso? E, nello spendere, hai scelto di focalizzarti solo sulla visibilità in aumento coprendo aree importanti di interesse? Se sei riuscita a ragionare sempre con lucidità, ad approcciarti alle ADV senza agire d’impulso, ti faccio i miei complimenti. Sì, perché questo vuol dire avere il polso del proprio business senza farsi trascinare dalle correnti e dalle necessità.

Spazio per la tua bellezza e qualche extra

Sei stata ligia al dovere. Sei riuscita ad investire. Ti sei ritagliata un budget per le spese ordinarie e straordinarie della tua vita da autonoma e come donna. Ti sei permessa anche una volta in più dal parrucchiere oppure un giro dall’estetista più del tuo solito? COMPLIMENTI. Non è scontato riuscirci e questo è possibile solo lavorando molto sul fatturato e sulla gestione delle risorse economiche. Come libera professionista non hai un dipartimento amministrativo che ti semplifica la vita: devi fare tutto da sola. Se in questo agire per tua tutela sei riuscita anche a viziarti e toglierti qualche extra: tanto di cappello!!

Le tue clienti ti adorano e ti mandano le amiche

La soddisfazione del cliente è un parametro delicato, che tocca molti elementi. Lavorare, a volte sotto stress, può averti messo nella condizione di non essere con tutti sempre al top, forse. Tuttavia, se nella tua pagina Facebook hai stuoli di fan che ti venerano e che ti aspettano: BRAVA! Non è scontato, non è ovvio, non è immediato. Hai dovuto lavorare con i contenuti, con te stessa, con gli strumenti. A volte chiedendoti se ne valeva la pena, forse. Tal altre esaltata dai successi monitorati al millesimo. Comunque tu sia riuscita a costruire la soddisfazione di chi ha acquistato da te e ha scelto di segnalarti a qualcuno, complimenti per averlo fatto.

Con la testa mia…. scelgo io

Sembra banale ma non lo è. Tutte noi siamo bombardate da guru del marketing, che si presentano in modo aggressivo online. Hanno tutti la chiave magica per farti vendere di più e ognuno di loro ha il metodo ultimo e unico per fare business online. Poi ci sei tu, la tua scrivania e il tuo Mac. Se non ti sei rivista in tutti i metodi di comunicazione, se ti sei chiesta: ma io voglio davvero comunicare così? Bhé… BRAVA. A seguire le mode e le tendenze sono bravi tutti. A farsi una propria idea e ad agire di conseguenza, correndo e accettando i rischi, no, non sono brave tutte. Solo quelle che hanno carattere e spirito libero.

Tempi morti? No, tempo di costruzione

Ogni mese è un mondo a parte. Il fatturato è diverso, se non hai contratti mensili che ti garantiscono un’entrata stabile. Se la tua routine è: “Gambe in spalla” allora sai cosa significa dover gestire l’ansia, le preoccupazioni, la sfiducia e tutti i sentimenti che germogliano quando sai che stai dando tanto ma devi aspettare oppure non hai le riconferme che vorresti. Magari perché qualcuno, meglio ammanicato di te, si è appena preso il tuo posto anche se tu avevi tutte le carte in regola per rivestire il ruolo. Essere una partita IVA è anche questo: costruire il fatturato futuro quando stai già fatturando bene e dare ancora di più quando non stai fatturando nulla. Sempre per il domani.

Scegliere di essere una libera professionista ancora

Puoi chiudere la partita IVA quando vuoi. Puoi mollare quando vuoi. Invece non lo fai. In barba a tutto, non lo fai. Cara mia… ancora COMPLIMENTI perché c’è chi questa sfida la perde o sceglie di non combatterla più. Tu si, invece. Quindi, datti una bella pacca sulla spalle. Correggi il tiro dove serve e vai avanti.

Pubblicato il

Il rispetto dell’ambiente: le tue scelte

Se punti sul rispetto dell’ambiente per comunicare l’identità del tuo brand, sii consapevole delle tue decisioni. Essere eco sostenibili o eco compatibili, nel concreto, significa scegliere qualcosa al posto di qualcos’altro. Queste scelte riguardano i prodotti che acquisti, il loro utilizzo, come educhi e informi i tuoi prospect al riguardo, come ne trai vantaggio economico.

In questo articolo ti aiuterò a scegliere i prodotti con certificazioni ecologiche, che ti permetteranno di comunicare la tua sensibilità agendo a 360°.

Pulizia dei locali e ambiente: perché anche questo fa brand

I tuoi clienti sono sensibili alle tue scelte ecologiche. A partire dalla pulizia in poi. Non solo dal punto di vista estetico e olfattivo ma anche dal punto di vista detergente.

Pensa, per esempio, al mondo alberghiero e turistico: quante volte sei entrata in un B&B e hai trovato indicazioni precise sul come utilizzare gli strumenti in bagno per rispettare l’ambiente piuttosto che gestire i rifiuti? Quante volte hai individuato adesivi nei punti strategici dei locali dove vieni informato sulle politiche ecologiche scelte dal brand per igienizzare l’ambiente? Ricordi il momento esatto in cui, entrando in un altro albergo, non trovando quelle specifiche indicazioni, hai sperimentato l’amaro in bocca catalogandolo come “inferiore” perché mancante di questa sensibilità? Ecco, ai tuoi clienti succede lo stesso.

Se queste politiche vengono perseguite da brand internazionali, forse vale la pena approfondire. Una ricerca datata gennaio 2017 condotta da Unilevel segnala

1 intervistato su 5 (su un campione di 20.000 persone provenienti da 5 paesi diversi) dichiara di preferire le aziende responsabili e chiare sul processo di lavorazione del prodotto che vendono.

e ancora

Un terzo dei consumatori, circa il 33%, sceglie di comprare prodotti da brand che hanno una strategia di responsabilità sociale d’impresa integrata al proprio business. (Cit. Linkiesta)

Il rispetto dell’ambiente nei prodotti che acquisti

La BIOQUEST FORMULA è una composizione di ingredienti di origine naturale dalla profonda forza pulente. I prodotti a marchio registrato AMWAY HOME ne sono dotati al 100% e sono sviluppati anche in conformità con la certificazione EcoLabel, marchio di qualità ecologica in Europa. Questo marchio garantisce lo standard elevato di qualità dei prodotti che possono esibirlo nell’etichetta.

Per quanto riguarda Wolf Eyes Inside e i locali adibiti a spazio consulenziale interno, io utilizzo con regolarità assoluta questo set prodotti. Mi garantisce pulizia profonda, risparmio grazie alla concentrazione e un’azione giornaliera di personal branding profondamente legato al rispetto dell’ambiente.

Non solo dire di esserlo ma fare. In aggiunta a quanto già regolarmente perseguo, come ti ho informato qui.

Pulizia ecosostenibile: come richiedere la tua fornitura PROVA per un mese

Come sai, sono distributore esclusivo dei prodotti a marchio registrato AMWAY HOME.

Sono a tua completa disposizione per sviluppare la tua personale fornitura prova per un mese di prodotti igienici per i tuoi locali commerciali. In alternativa, ti metto a disposizione una lista precostituita, che ho selezionato mettendomi nei tuoi panni. Ti propongo, quindi, detergenti per le superfici degli ambienti interni e degli oggetti presenti nei locali, inclusi i particolari come maniglie, specchi e pc.

Scegliendo la lista preconfezionata, dovrai semplicemente cliccare sul bottone “Acquista” e compilare i campi. In 4 giorni avrai i prodotti a casa tua e, se non ti troverai bene, potrai restituirli con rimborso totale di quanto speso, incluso le spese di trasporto ed eventuale contrassegno.

Vuoi parlarne insieme perché hai esigenze particolari? Ottimo! Scrivimi a venturinicomunicazione@gmail.com e sarò lieta di studiare la soluzione ad hoc per te.