Fare Marketing con le Emozioni

Inaspettata, l’opportunità di lavorare in una realtà di divertimento estivo acquatico in Veneto mi obbliga a confrontarmi con un tema importante: come fare marketing con le emozioni positive. Belle. Con l’allegria, la gioia, l’entusiasmo, l’energia, la sorpresa. L’aspettativa. Il linguaggio giovanile e fresco, talvolta adolescenziale.

Per me è una sfida “titanica“: da anni lavoro su profili istituzionali o molto aziendali. La creatività comunicativa non è contemplata e l’uso di un linguaggio meno formale non è permesso. L’incarico, per quanto sia un accordo stagionale, significa tanto. Significa crescere nella mia formazione, sperimentando sul campo la progettazione, programmazione e stesura di contenuti gioiosi e, allo stesso tempo, funzionali al R.O.I..

Questa novità mi ha portato al Forum Piscine di Bologna: interventi di comunicazione e marketing specifici per il settore del divertimento stagionale estivo, del benessere e del fitness, mi hanno ricordato che un cliente ti sceglie anche per le emozioni che gli trasmetti e con cui lo coinvolgi. Non si tratta solo di utilità (cosa puoi avere da me) ma anche – e soprattutto – di relazione che si codifica in un’esperienza positiva (cosa vivi quando sei con me). Pensare a questo significa porsi delle domande difficili come per esempio:

  • Se mi metto nei tuoi panni, che esperienza indimenticabile potrei aspettarmi di vivere?
  • Se mi metto nei tuoi panni, che cosa potrebbe deludermi nella relazione con te?
  • Se fossi un utente web interessato a una vacanza easy, che cosa vorrei leggere di così puntuale per spingermi da google alla biglietteria?
  • Quante volte posso tornare, senza annoiarmi, da te?
  • Qual è la soglia della noia e del sapere nel dettaglio cosa mi troverò davanti?

Utilissimi interventi, che mi hanno ricordato tre parole centrali (e mai usate fino ad ora):

  • Sorpresa
  • Gioia
  • Ricordo fidelizzante

Le slide proposte hanno sottolineato che fare marketing con le emozioni significa non dare nulla per scontato. Comprendere i 5 sensi nella progettazione dell’esperienza.

Livelli di complessità immaginativa, di consulenza e comunicazione significativamente alti. E’ stato davvero bello confrontarmi con un mondo maschile di consulenti senior abituati a lavorare sui margini di guadagno attraverso una comunicazione pragmatica, modulata, personalizzata e utile. Uomini orientati al business, alle statistiche, che mi insegnano (e mi ricordano) la necessità di imparare qualche competenza maschile per lavorare meglio, stimolando emozioni senza farmi travolgere/coinvolgere/condizionare dalle mie stesse e dal mio lato femminile. Ma la cosa più bella che ho imparato è che non devo MAI sentirmi “arrivata” perché c’è veramente un mondo sofisticato collegato alla comunicazione e davvero comunicare non vuol dire stare sui social. Comunicare è tutto e comprende tutto.

Stupire non necessariamente significa spendere. Stupire può anche voler dire, banalmente, prestare molta attenzione a quei piccoli dettagli essenziali e garantire maggiore cura. Stupire non vuol dire sempre regalare o svendere e nemmeno inventarsi l’esperienza fotonica per creare l’effetto WOW.

Stupire può essere anche la gestione calma ed educata della rabbia del cliente facendolo sentire accolto, visto, ascoltato operando azioni di recupero della fiducia senza dare l’impressione di vendere spudoratamente. Stupire può voler dire far trovare un bagno pubblico ad alta affluenza pulito, profumato, in ordine e luminoso quando la maggior parte delle persone si aspettano un semplice bagno da spiaggia puzzolente e sabbioso.

A me piacerebbe tantissimo poter lavorare a questi livelli, sperimentando dal vivo, in prima persona, la libertà e la responsabilità del gestire la comunicazione a 360°, online, offline e outdoor.

Ho tanta strada davanti a me per arrivare a questi vertici però è stimolante tuffarsi in un ambiente che mastica comunicazione seria con potenziale in crescita e dinamiche prettamente imprenditoriali.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...