B-dog: Mercurio al centro cinofilo natatorio piscina per cani di Buja

Lezione prova di nuovo presso la piscina per cani del Centro cinofilo natatorio B-Dog, Buja, UD.

Mercurio, il mio alaskan malamute, ha sperimentato il nuoto presso la piscina per cani del centro cinofilo natatorio B-Dog di Buja, UD. Ti racconto quanto ci siamo divertiti e quanto è stato importante, per il nostro rapporto, vivere quest’esperienza. 

 

E’ passato molto tempo dall’ultima volta in cui ho scritto delle mie avventure con Mercurio. Le mie difficoltà economiche hanno pesantemente ridotto e annullato tutte le nostre escursioni e viaggi ovunque programmati. Essere libera professionista vuol dire fare i conti con i mancati pagamenti, con i ritardi o le proroghe accettate da terzi, che devi subire. La situazione va migliorando ma… l’estate è stata molto difficile.

La ridotta mobilità mi ha imposto un cambio di routine con il mio alaskan malamute; l’incidente dei primi di aprile mi ha obbligato a rivedere, ancora una volta, il nostro rapporto e le nuove problematiche di salute di Mercurio sono state un valido motivo per ridurre lo sforzo fisico, sia anche solo di divertimento, vissuto insieme.

Quindi, approfittando di una prova gratuita per il Patentino Bravo Cittadino, sono tornata in un campo di educazione cinofila e Mercurio ha dato il meglio e il massimo: se fosse stato un esame reale, sarebbe passato con il 100% dei voti.

Abbiamo ricominciato a lavorare sull’attenzione in passeggiata e mi ha accompagnato in diverse occasioni sociali, nelle quali la presenza di cani di tutte le età, sesso e taglia era scontata. Abbiamo lavorato sull’indifferenza e sul riposarsi nonostante gli stimoli giungendo fino al risultato massimo di un caffè sul lungomare a Lignano in orario di rientro dalla spiaggia, bar posizionato all’uscita della nuovissima spiaggia libera per cani: un via vai continuo, quindi, di pelosetti. Mercurio ha dormito un’ora intera senza degnare di uno sguardo nessuno.

Poi, dopo alcuni giorni affranti e lamentosi per la mia situazione economica, ho deciso di prendere in mano la mia vita e rivedere Wolf Eyes Inside da cima a fondo, realizzando, almeno dal punto di vista online, quel sogno nel cassetto… che ora non è più rinchiuso ma, sta vivendo.

Realizzare Wolf Eyes mi ha portato ad aprirmi a nuove collaborazioni e questo mi ha spinto, immediatamente, a contattare il centro cinofilo B-dog di Buja. L’idea è di creare qualcosa insieme, qualcosa di valore, per cani e proprietari. Per fare ciò, però, avevamo bisogno, sia io sia la proprietaria, di conoscerci, sperimentarci, annusarci, parlarci e capire fino a che punto i nostri ideali sono vicinie pertinenti. Mercurio, quindi, ha sperimentato insieme a me la piscina per cani e ha imparato a tuffarsi. 

Seguo B-Dog da diverso tempo su Facebook. Le loro attività mi sono sempre piaciute, in particolare le passeggiate cinofile al chiaro di luna e i luoghi meravigliosi nei quali i gruppi vengono accompagnati. In futuro, sarei felice di lavorare sulla fiducia di Mercurio nell’affidarsi a me in acqua: in particolare, mi piacerebbe riuscisse a sdraiarsi e a lasciarsi coccolare completamente rilassato anche in un ambiente liquido e nuovo come la piscina.

Il centro B-Dog accoglie un cane alla volta: Mercurio ha lavorato per 45 minuti in acqua. La piscina  e gli ambienti sono assolutamente puliti, l’acqua è tiepida ed è alta circa 1 metro e 20. Prima di entrare, le zampe del cane e la pancia vengono risciacquati in una doccia comodissima, utile per i cani con displasia. Merry detesta la doccia ma questa, raso pavimento con cancelletto d’entrata, non lo ha minimamente stressato. Sono entrata con lui e l’ho lavato senza emettesse ululati. Ha indossato una pettorina ad H con maniglione sul dorso e, tempo un minuto, ero in acqua.

Lui, inizialmente titubante, si è subito aperto alla possibilità del gioco con me grazie alla sua amatissima pallina gialla. Il centro è fornitissimo di giochi per cani, che soddisfano praticamente tutti i gusti: Merry ha amato la pallina Kong, una pallona verde di plastica,  l’aragosta di stoffa e persino il frisbee.

Abbiamo lavorato sul tuffo autonomo, senza aiuto da parte dell’educatrice, sul vieni, sul farmi seguire in acqua e sull’obbedienza nell’andare a prendere la pallina in diversi punti della piscina, tuffandosi senza il mio accompagnamento. Abbiamo giocato a chi prende prima la preda (pallina) e siamo stati davvero bene!

Vi potrà sembrare sciocco: mi stavo commuovendo vedendo lui cercarmi con gli occhi, parlarmi con gli occhi, a volte chiedermi approvazione, sostegno. Non c’erano comandi di obbedienza. C’era relazione. Insieme stavamo facendo qualcosa di grande per entrambi: lui aveva paura a tuffarsi e io ho paura dell’acqua (non so nuotare). Ma eravamo entrambi in piscina e ci stavamo divertendo.

Mercurio sfogava la sua frustrazione per il tuffo ululando e chiedendomi di prendere la pallina al posto suo ma, alla fine, con i suoi tempi, non solo scendeva in acqua a prenderla ma anche si aspettava che gliela tirassimo ancora. Sono rimasta sbalordita dal rapporto creatosi subito con l’educatrice: Mercurio voleva rimanesse collegata con noi. Se ci lasciava per qualche secondo da soli, lui era pronto ad uscire per andare a cercarla e le ha più volte fatto capire che doveva stare lì con lui e con noi.

Uscito dalla piscina, aveva una quantità di gioia e di adrenalina fortissima. Se fossimo stati in un prato, si sarebbe messo a correre per almeno cinque giri a razzo e in cerchio e si sarebbe sdraiato per poi ricominciare come un matto fino a placarsi del tutto. Era FELICE. Vedere il mio cane felice non ha prezzo. Vale qualsiasi prezzo.

L’esperienza più commovente in assoluto è stata, però, fuori dalla piscina: sedute su un prato a chiacchierare io e la ragazza. Mercurio si avvicina a me e si siede, si appoggia pesantemente contro la mia coscia, cercando AUTONOMAMENTE una vicinanza forte, fisica, con me, che MAI prima d’ora aveva cercato così DOPO una qualsiasi lezione di educazione cinofila. Questo, questo suo gesto, mi ha fatto capire che l’esperienza, il posto, la persona erano quelli “giusti” per noi e per lui.

In sintesi, alla piscina per cani del centro cinofilo natatorio B-Dog di Buja, Mercurio ha lavorato su:

  • fiducia personale nell’affrontare un’esperienza nuova
  • stima nel rendersi conto di essere in grado di affrontare la novità con successo e divertimento
  • riporto in acqua
  • attenzione per 45 minuti consecutivi
  • relazione con il proprietario e fiducia in lui
  • incontro positivo con persone nuove
  • rispetto degli ambienti nuovi senza rompere o marcare
  • capacità di auto calmarsi e rilassarsi fino al sogno dopo aver sperimentato tantissima gioia ed emozioni soverchianti positive

Consigliato vivamente!

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...