L’anello di Pusea da Cavazzo Carnico è il trekking più semplice mai fatto sino ad ora. Nessun pericolo, dislivello 500 semplice da affrontare, strada confortevole, sentiero circolare e ampio, acqua in abbondanza per i cani.

In questo periodo (marzo), alcuni tratti costeggiati da pini sono potenzialmente pericolosi per i cani perché è pieno di nidi di processionarie e questo è l’unico accorgimento che mi sento di segnalarvi. Sono circa 10 km nei quali salita e camminata quasi “collinare” si alternano agevolmente.

Noi, superato il ristorante Il Pescatore, abbiamo proseguito lungo la strada asfaltata, che diventa sassosa, piano piano (attenti a una buca al termine dell’asfalto). Parcheggiato nel primo spiazzo sulla sinistra lato fiume (cartello Cjanevate, Grotta dei Pagans), abbiamo percorso un centinaio di metri e abbiamo scavallato il fiume prendendo il ponte di legno, che collega le due sponde sulla sinistra, vero gli Stavoli Tualis.

La parte più “impegnativa”, se la vogliamo chiamare così, inizia ora: breve tratto roccioso in salita e poi sempre salita lungo il bosco per poi raggiungere un sali scendi molto semplice, che ruota intorno al fiume. Pusea è un paesetto incantato, quasi surreale, appare fuoriuscito dalle fiabe, con il suo vecchio mulino ad acqua, i ponti in legno, la vegetazione d’un verde intenso.

Per riprendere il sentiero, no abbiamo svoltato a destra (lato casa in pietra attualmente in vendita) e abbiamo percorso la strada asfaltata, che in breve ritorna ghiaiosa, che sale in salita subito sulla sinistra e abbiamo continuato a camminare mantenendo sempre il fiume alla nostra destra. All’unica biforcazione che incontrerete, se seguite il sentiero verso il fiume, arrivate comunque verso il parcheggio. Noi abbiamo preso questa strada perché, nel sentiero alto, che continuava a salire e circumnavigare il monte, c’erano tantissime processionarie e abbiamo udito rumore di animale selvatico non meglio identificato.

Le indicazioni CAI non sono particolarmente evidenti però è anche vero che basta semplicemente seguire il sentiero e si arriva, senza grossi problemi, alle spalle del ristorante Il Pescatore, con semplicità disarmante.

L’Anello di Pusea da Cavazzo Carnico è un trekking adatto a tutta la famiglia e utile al riposo della mente proprio “a causa” della sua più assoluta semplicità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *