Mille e una entrata sul Tagliamento: dove portare i cani

 

Il Tagliamento è la nostra casa. Nelle pause pranzo, nei giorni di ferie, nell’ora prima dell’autostrada, il Tagliamento è quel luogo sicuro capace di alleggerire le tensioni. Lungo 170 km, offre sufficiente spazio per le corse libere dei cani.

AGGIORNAMENTO IMPORTANTISSIMO AL 21/07/2016: L’immane tragedia di questi giorni accorsa nel Tagliamento in zona San Daniele mi impone un doveroso paragrafo a completamento di questo articolo. Il ragazzo morto nelle acque di questo fiume vi sia da monito quando decidete di approcciarvi alle sue acque. Ve lo confermo: in questi giorni, il Tagliamento ha una corrente molto forte e molto pericolosa in alcuni tratti. Le acque sono torbide e non si vedono bene i fondali in tutti i punti. Il rischio di mulinelli è reale e il rischio di venir trascinati via è presente. Siate MOLTO accorti nell’approcciarvi alle sue sponde. Io sono stata trascinata via con il mio cane per un brevissimo tratto dove l’acqua era bassa ma, se mi fossi trovata in un altro punto, avrei fatto la stessa fine di questo giovane diciassettenne. Abbiate cara la vostra vita più del divertimento. Mi raccomando: qualsiasi entrata scegliate, prima di guadare, prima di tuffarvi, prima di immergervi, date peso reale alla situazione, all’acqua, alla corrente, al territorio, alle condizioni meteo.

***

Il Tagliamento viene considerato il Re dei Fiumi Alpini perché ha tre caratteristiche che lo rendono speciale: ha un bacino fluviale ampio 3000 km quadrati, ha una morfologia a canali intrecciati, una vegetazione pionieristica sul greto attivo, ambiente magredile [sassi, graminacee, rovi, ranno spinello, rosa canina], isole vegetate nei banchi ghiaiosi, pioppi neri, salici bianchi e spazi golenali con pioppi bianchi e ontani neri. Oltre agli uccelli migratori, si possono trovare volpi, gheppi, faine, anfibi, la specie a rischio rana di Lataste, la trota marmorata, la trota fario e altre tipologie di pesci d’acqua dolce.

merrychiamponfiume

Ma quali sono le entrate migliori per una bella escursione con i cani? Vi posso suggerire le entrate:

  1. Osoppo verso Trasaghis [sinistra, prima dell’incrocio verso Gemona a dx e Ponte sul Tagliamento a sx],
  2. Zona Trasaghis verso Bordano [destra, subito dopo rotonda oltre il ponte sul Tagliamento],
  3. Zona Trasaghis verso Braluins [sinistra, subito dopo bar sulla destra, spiazzo ampio di parcheggio],
  4. Pioverno [destra, subito dopo ponte sul Tagliamento, oltre la radura],
  5. Gemona-Ospedaletto-Osoppo [non ricordo l’entrata precisa però so che c’è. La seguii più di 10 anni fa e non la praticai più perché …. mi dimenticai la strada fatta.]
  6. Dignano [subito dopo ponte sul Tagliamento, sulla destra, dopo 2-5 km fra campi e radura selvaggia con riserva di caccia]
  7. Morsano al Tagliamento e San Vito al Tagliamento [destra, prima uscita alla rotonda subito dopo il ponte. Seguite la strada e una qualsiasi delle entrate va bene]
  8. Camino al Tagliamento [al termine di Via Tagliamento trovate dei filari di campi e una strada che procede verticale. Addentratevi nella radura, prestate attenzione alle moto da cross, ai ciclisti e ai cacciatori e sbucate direttamente sul letto del fiume ]
  9. San Pietro di Ragogna [prendete come punto di riferimento per il navigatore il ristorante Al Vecjo Traghet. Ampio parcheggio però possibilità limitata di camminare lungo il fiume sulla sinistra. Tanta gente, tanti cani, qualche sentiero e, se c’è poca acqua oppure se sapete nuotare, possibilità di guadare in verticale e raggiungere l’altra sponda del fiume]

tagliamento dall'alto

Amo portare Merry su Tagliamento ed è bello quando siamo accompagnati dagli altri amici cani. Ha la possibilità di correre libero avendo davanti a sé uno spazio pressoché interminabile, senza particolari pericoli, nel quale può prendersi il suo spazio e i suoi tempi staccandosi, in parte, da me, vivendo la sua individualità selvaggia con gioia.

Amo vederlo trotterellare e correre nell’acqua, saltare come una capretta lungo i mulinelli del fiume e le correnti rapide. E’ saggio e sa quando guadare, dove attraversare, quando fermarsi. Sa indicarmi la strada più semplice per me e sa quando, invece, è meglio percorrere il fiume seguendo il sentiero laterale, tra gli sterpi e la boscaglia fitta.

Il Tagliamento è un luogo riflessivo e sportivo allo stesso tempo. Penso non esista un friulano che non sia mai stato a camminare o prendere il sole sul Tagliamento. Questo fiume è un must tanto quanto il Lusssari, il Matajur e lo Zoncolan, monti emblema della storia friulana.

Se  volete sperimentare nuove entrate oppure se volete condividere altre entrate oltre a quelle che ho citato qui, scrivete pure le vostre esperienze nei commenti: so che certi luoghi segreti non si divulgano con piacere.

Ricordiamoci, però, che il Tagliamento è talmente grande che, escluse le entrate “turistiche” solite estive, c’è spazio per tutti.

tramonto tagliamento

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...